COOKIES Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito ne autorizzi l'utilizzo. Vuoi sapere quali cookie sono utilizzati? Clicca qui per accedere alla cookie policy

Trauma e rischi di regressione

Ostaggi del virus rischiamo di regredire ad un’inversione del legame sociale, da fonte di riconoscimento a fonte di minacce

A pensarci bene una delle conseguenze più temibili della vicenda pandemica nella quale siamo immersi da più di un anno, è la nostra regressione possibile a comportamenti ancestrali e primordiali che potrebbero essere particolarmente pericolosi e mettere a rischio la nostra convivialità più di quanto già non stia facendo il virus. In effetti accade spesso di chiedersi come mai, nonostante i non pochi comportamenti devianti rispetto alle regole che ci sono in giro, l’aggressività di noi esseri umani non si traduca, almeno per ora, in comportamenti caratterizzati da distruttività e violenza. Basterebbe, per giustificare questa domanda tutto quello che sappiamo a proposito del rapporto fra noi e lo spazio, delle condizioni della prossemica elementare tra noi umani, parametrate con la condizione di chiusura e vincoli al movimento e alla socialità che stiamo vivendo. Sappiamo dalla ricerca che ognuno di noi ha bisogno di un certo spazio vitale e di un ambiente in cui muoversi in grado di garantire differenziazione percettiva e varietà delle esperienze. Queste deprivazioni sono naturalmente sotto gli occhi di tutti e il rischio che corriamo è che si traducano in regressione individuale e di gruppo verso comportamenti antisociali, che potrebbero essere determinati non solo dai vincoli al movimento e alla spazialità, ma anche da condizioni di necessità materiali ineludibili che divenissero accessibili solo a pochi e fonte di deprivazione primaria. Siamo esseri caratterizzati dalla neuroplasticità e, quindi, continuamente coinvolti da processi di adattamento e adeguamento dei nostri comportamenti alle condizioni al contorno. Non solo, ma a distinguerci, insieme a tante altre specie, è l’epigenesi, cioè la nostra disposizione a non essere fissi ma a crescere e svilupparci in stretta interdipendenza con l’esperienza effettiva della nostra esistenza e i ritorni che quell’esperienza genera non solo sulla nostra soggettività ma anche sulle nostre caratteristiche bio-psichiche. In breve, quindi, è fondamentale domandarsi che cosa stiamo diventando mentre viviamo il trauma della pandemia. Insieme a questa domanda ve n’è un’altra strettamente correlata e riguarda come stiamo cambiando e quali sono i cambiamenti di cui ci accorgiamo e quelli di cui non ci accorgiamo. Emerge così che abbiamo dato per scontato molti aspetti della nostra convivenza, connessi alla sicurezza, alla presenza dell’altro come fonte di reciprocità o al massimo di indifferenza, alle aspettative che il comportamento altrui, a parte casi devianti tutto sommato eccezionali, sia un comportamento prevedibile sulla base delle nostre proiezioni, delle nostre percezioni, della nostra storia e delle nostre esperienze. Potremmo scoprire, e in non pochi casi ormai già stiamo scoprendo, che queste aspettative e queste previsioni relative al comportamento dell’altro possono essere disattese, sbagliate, e riservarci delle sorprese particolarmente problematiche e difficili da elaborare. La regressione infatti può essere tale, causata dal trauma, da far emergere forme ancestrali di comportamento, sollecitando particolarmente le emozioni di base e soprattutto quelle che regolano il rapporto tra sopravvivenza, aggressività e distruttività. Già le forme del sospetto relativo al comportamento degli altri e alle minacce che propongono con la loro presenza hanno a che fare con questa questione. Non è difficile constatare come il livello complessivo di fiducia reciproca e di fiducia sociale siano fortemente calati e l’altro che rappresentava per noi fonte di riconoscimento, occasione di incontro, fonte di affettività cercata e reciproca, oggi tende a configurarsi principalmente come minaccia e, d’altra parte, a nostra volta noi rappresentiamo una minaccia per gli altri in quanto potenziali veicoli di contagio. Ostaggi del virus rischiamo di regredire ad un’inversione del legame sociale, da fonte di riconoscimento a fonte di minacce. Accanto a questo, ciò che rischiamo accada è un processo regressivo determinato da un combinato di necessità materiali, difficoltà di approvvigionamento, rarefazione delle presenze pubbliche e della dimensione pubblica della vita, eccitazione delle istanze aggressive, abbassamento delle difese reputazionali e di autostima, giungendo a divenire non solo minacciosi per gli altri ma fonte di pericolo. Da questi processi regressivi possono derivare, sempre come effetti del trauma pandemico, comportamenti imprevedibili e situazioni relazionali pericolose, amplificando rischi di socialità e rischi di vita pubblica di una portata tale per cui i cosiddetti problemi di sicurezza, così tanto esibiti prima della crisi pandemica, risulterebbero semplicemente di poco conto e tutto sommato secondari. L’auspicio naturalmente è che si riesca ad elaborare i rischi di processi regressivi in atto non solo giungendo ad una elaborazione degli effetti della pandemia che tenga conto della disuguaglianza, della giustizia sociale e della cura della progettualità dei singoli, ma che si presidi quello che forse è il rischio più grave, la regressione verso uno stato di polizia motivato con l’eccitazione delle aspettative di controllo ritenute necessarie, giustificandole con i processi di regressione.

contattami

i miei contatti

    Acconsento al trattamento dei miei dati personali con le modalità e per le finalità dichiarate nell'informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del Regolmento Europeo per la protezione dei dati personali (GDPR-Regolamento UE 2016/679) e delle vigenti normative nazionali